Bitcoin v. Titoli tecnologici: chi saranno i vincitori „enormi“?

Come strumento finanziario, Bitcoin non ha concorrenti, ma come asset class ne ha molti. Quello ovvio è l‘ oro , ma l’equivalente più moderno è la classe di asset dei titoli tecnologici.

Dai minimi del crollo finanziario del marzo 2020, pochi asset hanno recuperato le perdite

Mentre Bitcoin è aumentato di quasi il 200%, anche i titoli tecnologici hanno visto oscillazioni rialziste. Il Crypto Code è aumentato del 56%, Facebook del 77%, Amazon del 95%, Apple del 112% (aveva una divisione delle azioni nell’agosto 2020), Netflix del 77% e Alphabet del 48%. Questi sono stati i grandi vincitori del crash, ma senza dubbio Bitcoin ha visto guadagni maggiori. Eppure, non c’è più clamore sull’investimento nella criptovaluta.

Mentre gli investitori istituzionali come MicroStrategy, Square e Paul Tudor Jones sono diventati rialzisti sull’asset digitale, gli investitori al dettaglio sono ancora diffidenti e stanno optando per titoli tecnologici con prestazioni inferiori (ma comunque di valore). Perché?

In un’intervista con AMBCrypto, Nick di Ecoinmetrics ha fornito tre ragioni per questa sovraperformance dei titoli tecnologici rispetto a Bitcoin sul fronte della vendita al dettaglio.

Passività

A causa della massiccia capitalizzazione delle suddette società, i titoli tecnologici vedono un „flusso passivo“ più elevato, ha detto Nick. Ciò che intendeva con questo era perché aziende come Apple, Alphabet, Netflix, Facebook, Amazon e Microsoft occupano i primi posti nell’S & P500, ricevono investimenti attraverso vari indici e fondi a grande capitalizzazione. Egli ha detto:

“I FAANG sono già una parte enorme degli indici utilizzati per gli investimenti passivi. Prendi Apple da sola, è circa il 6,5% dell’intero SP500 … Questo a sua volta sta spingendo il loro prezzo di mercato più in alto „.

Apple, Microsoft, Amazon, Facebook e Alphabet occupano i primi 5 posti dell ‚S & P500 , con un peso combinato di oltre il 20%, il che significa che, per ogni dollaro inserito nell’indice, 20 centesimi affluiscono inevitabilmente a queste società.

Per confrontare questa assimilazione dell’indice per i titoli tecnologici con Bitcoin, non c’è equivalente. Sebbene esistano alcuni indici crittografici, come l‘ indice CM Bletchley , il processo di investimento non è abbastanza snello come lo è per i fondi indicizzati e quindi i titoli tecnologici. Gli investitori al dettaglio, che senza dubbio investono in tali fondi, lo fanno senza la motivazione di investire direttamente in titoli tecnologici, ma finiscono per farlo a causa della sua natura condivisa.